Intervista allo Chef Piero Altini

>>>Intervista allo Chef Piero Altini

Abbiamo incontrato Pierluigi Altini, rinomato Chef del noto ‘Romagna Group Gourmet’, associazione composta da quattro locali che, con rispetto e semplicità, offrono al cliente un’esperienza sensoriale straordinaria.

Pierluigi lavora presso il pastificio BIO La Sprunèla a Castiglione di Cervia (la “sprunèla” è una rotella dentata per il taglio della pasta fresca), ma ha iniziato a cucinare oltre vent’anni fa nelle strutture ricettive di alto livello della Riviera Romagnola, dove l’ospitalità corre di pari passo con l’eccellenza ed il gusto del buon cibo. Dopo alcune esperienze all’estero è tornato nella sua Riviera per trovare casa e mettersi all’opera in un vero e proprio laboratorio – ristorante, capace di offrire piatti a chilometro zero che riportano alla memoria i sapori classici della Romagna.

Ad aiutare Pierluigi nel suo lavoro troviamo il nuovo Fermolievita MacChef, l’abbattitore con la possibilità di impostare programmi che permettono all’operatore di dedicarsi ad altre attività durante le fasi di lievitazioni. “È una macchina utilissima” ci ha detto Pierluigi “perché oltre a riuscire e a bloccare la fermentazione, può farla ripartire nel momento in cui serve. È semplice da usare e si può anche controllare in remoto tramite una semplice APP”.

Ma i vantaggi non sono solo nella praticità di utilizzo della macchina. “Grazie alla programmazione” aggiunge Pierluigi, “la carica batterica che si sviluppa durante la lievitazione è minore, rendendo il prodotto finale più digeribile e di qualità migliore. Inoltre, il Fermolievita risulta vantaggioso anche perché per ottenere una perfetta lievitazione possiamo utilizzare meno lievito, con un risparmio economico. Infine, con la possibilità della programmazione anche da remoto, la macchina lavora anche nel nostro giorno di chiusura, che diventa a tutti gli effetti un giorno di riposo”.

2018-07-03T13:17:08+00:00 28 giugno 2018|Interviste, Trasformazione|